Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Epatologia

Epatite C: come si contrae e come evitare il contagio

Il virus dell'epatite C si trasmette per via parenterale apparente (trasfusioni di sangue o emoderivati) o inapparente (per via percutanea). La modalità di trasmissione che ha maggiormente contribuito alla diffusione dell'infezione su ampia scala è stata quella per via percutanea.

Ciò è avvenuto prevalentemente negli anni '60-'70, quando si sono diffuse sul territorio chirurgia ambulatoriale, cure odontoiatriche, agopuntura, ecc. In quel periodo, in mancanza di conoscenze sui virus epatitici, si è favorita la diffusione dell'infezione con l'uso di strumenti non perfettamente sterilizzati e impiegati consecutivamente per più pazienti.

E' stato dimostrato che l'uso di siringhe di vetro non sterilizzate è stato uno dei principali meccanismi di trasmissione del virus. Oggi non si usano più siringhe di vetro, ma permane l'uso promiscuo di rasoi, pettini, forbici, pinzette o di altri oggetti taglienti, tra soggetti infetti e non infetti, che è un comportamento a rischio sottovalutato nello stile di vita quotidiano.

Dopo il 1990, in seguito alla scoperta del virus e alla conseguente introduzione del test di screening sulle donazioni di sangue, il contagio tramite la trasfusione di sangue o emoderivati si è drasticamente ridotto, fino a diventare evento eccezionale.

Restano comportamenti a rischio l'esecuzione di cure estetiche (manicure e pedicure) con strumentario non personalizzato, i tatuaggi, il piercing e ogni altra procedura invasiva con strumenti non monouso.

I dati derivanti dalla sorveglianza epidemiologica delle epatiti virali in Italia indicano che, attualmente, i più importanti (ma tutti prevenibili) fattori di rischio nella popolazione generale sono, oltre all'uso di droghe per via endovenosa, i rapporti sessuali con più di un partner e i trattamenti medico-chirurgici ed estetici, quando non vengano utilizzati metodi efficaci di sterilizzazione e mantenimento degli strumenti. La trasmissione materno-fetale e l'allattamento sono modalità di contagio possibili, ma che si verificano raramente.

Consigli per il soggetto con infezione da HCV: come proteggere gli altri

  • avere rapporti protetti, se si ha più di un partner sessuale;
  • informare il personale sanitario (medici, odontoiatri, ecc.) della propria condizione;
  • non donare sangue;
  • coprire bene eventuali ferite;
  • utilizzare solo per se stesso: rasoi, tagliaunghie, forbici e altro strumentario simile, pettini;
  • smaltire in maniera appropriata gli aghi utilizzati.

Molto spesso il soggetto con infezione da HCV, per paura di contagiare le persone vicine, modifica in maniera impropria e inutile la propria vita di relazione. Le autolimitazioni sono in gran parte inutili e servono solo a peggiorare la qualità di vita.

Esempi di comportamenti non pericolosi

  • cucinare;
  • fare il bagno in piscina;
  • abbracciarsi;
  • darsi la mano;
  • ballare.

Per approfondire guarda il video dell'intervista al Prof. Antonio Ascione, epatologo, Responsabile del centro per le malattie del fegato dell'Ospedale Fatebenefratelli di Napoli.

 Top

Prima pubblicazione: giovedì 28 luglio 2011
Ultima revisione successiva: venerdì 22 novembre 2013