Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Epatologia

Epatite autoimmune

Cos'è


L'epatite cronica autoimmune è una infiammazione progressiva del fegato identificata sotto diversi nomi: "epatite autoimmune cronica attiva", "epatite idiomatica cronica attiva", "epatite lupoide". Le cause di questa infiammazione non sono accertate, ma sembra che sia dovuta ad un'anomalia del sistema immunitario e sia spesso associata alla produzione di anticorpi che si possono rilevare attraverso i test di laboratorio.
L'epatite autoimmune è stata descritta per la prima volta nel 1950 come una malattia che colpiva donne giovani, associata ad un aumento delle gammaglobuline nel sangue ed epatite cronica rilevata con la biopsia epatica. La presenza di anticorpi antinucleari (ANA) e la somiglianza di alcuni sintomi con quelli del lupus sistemico eritematoso le valse l'etichetta di "epatite lupoide". Fu chiaro solo in seguito che questa malattia non era associata al lupus.

Sintomi


Il paziente tipico affetto da epatite autoimmune è di sesso femminile (70%). La malattia può insorgere a qualsiasi età, ma è più comune nell'adolescenza o nei giovani adulti. I test di laboratorio identificano gli ANA o gli SMA (anticorpi dei muscoli lisci) nella maggior parte dei pazienti. Più dell'80% dei pazienti affetti da questo tipo di epatite presentano un aumento di gammaglobuline nel sangue. Alcuni di essi presentano altri disordini autoimmuni come la tiroidite, la colite ulcerativa, il diabete mellito, la vitiligine (perdita a macchie della pigmentazione della pelle), la sindrome di Sjogren (una sindrome che provoca secchezza degli occhi e della bocca). Altre epatopatie, come l'epatite virale, la malattia di Wilson, l'emocromatosi e la deficienza da alfa1-antitripsina vengono escluse mediante appropriati test di laboratorio e la possibilità di epatite da farmaci viene gestita mediante attente domande sull'argomento. I sintomi più comuni dell'epatite autoimmune sono: stanchezza, dolore addominale, prurito, ittero, epatomegalia e spider nevi (angiomi) sulla pelle. I pazienti potrebbero anche presentare complicanze di epatite cronica avanzata con cirrosi, come ascite (liquido addominale) o encefalopatia (confusione mentale). La biopsia epatica è importante per confermare la diagnosi e fornire la prognosi. La biopsia potrebbe mostrare un'epatite acuta lieve, un'epatite cronica attiva avanzata con fibrosi, o una cirrosi completamente sviluppata.

Trattamento


La sopravvivenza a 10 anni dei pazienti non trattati è di circa il 10%. Il trattamento dell'epatite autoimmune è l'immunosoppressione. Questa terapia si è dimostrata efficace nel ridurre i sintomi, nel migliorare i risultati dei test di laboratorio e nel prolungare la sopravvivenza nella maggior parte dei pazienti.
Lo scopo del trattamento dell'epatite autoimmune è curare o controllare la malattia. Nei due terzi dei pazienti i test epatici ritornano nel range normale. Studi di follow-up a lungo termine hanno mostrato che l'epatite autoimmune appare molto più come patologia controllabile che come patologia curabile perché la maggior parte dei pazienti presentano recidiva dopo sei mesi dalla fine della terapia.
Non tutti i pazienti con epatite autoimmune rispondono al trattamento immunosoppressivo. Circa il 15-20% con grado severo della malattia continuano a peggiorare nonostante l'inizio di una terapia appropriata. Questo è riscontrabile in pazienti con cirrosi avanzata rilevata mediante biopsia epatica. Questi pazienti probabilmente non risponderanno a nessuna terapia. In questi casi è indicato il trapianto epatico.

Prima pubblicazione: martedì 6 febbraio 2007
Ultima revisione successiva: giovedì 8 ottobre 2009