Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Epatologia

Virus A

Che cos'è il virus dell'epatite A?


Il virus dell'epatite A è uno dei virus (A, B, C, D, E, F, G) in grado di causare un'epatite. Fa parte dei virus ad RNA, è di piccole dimensioni ed appartiene alla famiglia dei picornavirus.

Quanto può resistere nell'ambiente? e come si inattiva?


È termostabile e sopravvive fino ad un mese a temperatura ambiente, ha una grande resistenza a vari disinfettanti , soprattutto al cloro usato per la disinfezione dell'acqua potabile dove occorre mediamente una dose più elevata per ottenere una sicura potabilità. Questa è una delle ragioni per cui diverse epidemie sono proprio venute dall'acqua inquinata. E' inattivato dalle radiazioni ultraviolette, in autoclave, da soluzioni di formalina.

Come si trasmette l'infezione da virus dell'epatite A? e qual è il periodo di incubazione?


L'infezione è assai diffusa nei Paesi in via di sviluppo, ma anche nell' Italia ed ha la massima diffusione nei maschi meridionali intorno ai venti anni. Si trasmette per via oro-fecale:

  • bevendo acqua o mangiando cibo contaminato con materia fecale contenente il virus;
  • frutti di mare contaminati mangiati crudi e le verdure crude non ben lavate sono le sorgenti maggiormente frequenti di infezione.

Altre sorgenti di infezione sono:

  • il contatto diretto con una persona infettata.

Altri fattori di rischio sono:

  • bambini che usano pannolini in centri per intrattenimento giornaliero infantile, soprattutto in centri per disabili mentali;
  • viaggi in nazioni ad elevata circolazione del virus dovuta a carenza di norme igieniche.

Non vi è nessuna prova di trasmissione materno-fetale.
La trasmissione parenterale è assai rara.

La diffusione della malattia è in relazione con scadenti condizioni igieniche ed affollamento nelle abitazioni.
Il periodo di incubazione varia da 15-50 giorni, in media circa un mese. E' eliminato con le feci delle persone infette per 1-2 settimane prima e per almeno una settimana dopo l'insorgenza della malattia.

Quali sono i disturbi causati da una infezione acuta da virus dell'epatite A?


Come per le altre epatiti, una persona infettata con l'epatite A può non avere nessun sintomo. I sintomi più comuni ricordano l'influenza: affaticamento, vomito, dolore nell'area del fegato, urine scure, feci chiare e febbre.
I tests di funzionalità epatica, aminotransferasi soprattutto, sono alterati e confermeranno la diagnosi.

In quanto tempo si può guarire dall'epatite acuta da virus epatitico A? Qual' è la terapia da attuare?


La maggior parte delle persone guarisce entro i sei mesi.
Non vi è nessun specifico trattamento per l'epatite A. La maggior parte dei pazienti va tenuta a riposo da una a quattro settimane dopo la diagnosi. Anticorpi IgM appaiono precocemente e scompaiono nel giro di poche settimane rappresentando quindi un marker di infezione acuta. In un secondo momento compaiono anticorpi IgG che persistono verosimilmente per tutta la vita e conferiscono immunità permanente verso questo tipo di virus.

Esiste la possibilità di vaccinazione per l'epatite A?


Da poco tempo è disponibile in Italia il vaccino per l'epatite A. Si tratta di un vaccino proteico inattivato cresciuto in cellule umane diploidi. La protezione dura un anno e può durare fino ai 10 anni se è stato fatto un richiamo dopo sei mesi).

Fonte: Fegato.com
Prima pubblicazione: martedì 6 febbraio 2007
Ultima revisione successiva: giovedì 8 ottobre 2009