Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

La Dieta Mediterranea

Che la Dieta Mediterranea sia stata da sempre considerata una dieta sana e nutriente non è una novità. Ora, anche i congressi confermano questa convinzione. Ma perché la dieta mediterranea è così sana rispetto a quelle attuate, per esempio, nei paesi nordici o negli Stati Uniti?

La dieta mediterranea si basa fondamentalmente sull'uso intenso di alimenti quali cereali, legumi, frutta e verdura. Limitato, invece, è l'uso di prodotti caseari, quali latte, formaggio e yogurt ed il pesce è preferito alla carne. Questo tipo di dieta nasce in considerazione dello stretto rapporto, già scoperto intorno agli anni '50, tra ciò che si mangia a tavola ed i disturbi cardiocircolatori.

La ricerca ha fatto passi avanti, scoprendo che non solo la circolazione subiva gli eccessi a tavola, ma che anche altre patologie erano condizionate da un'alimentazione eccessiva o poco sana; tra queste, soprattutto tumori al colon, al seno, all'endometrio, ecc., per non parlare dell'obesità, la 'malattia del benessere' che sta diventando negli ultimi tempi una vera e propria epidemia, il diabete, le dislipidemie, ecc.

Ma cosa consiglia, in sostanza, la dieta mediterranea? Questo tipo di alimentazione predilige, come abbiamo detto, cibi ricchi di fibre, come le verdure e gli ortaggi, la frutta, sia fresca che secca, ma con una grossa preferenza per la prima, carboidrati (pane, pasta e riso), legumi e prodotti caseari, meglio se 'magri', per l'alimentazione di tutti i giorni.

Il tutto condito con olio d'oliva, meglio se extravergine. Inoltre, consiglia di limitare l'uso delle uova al massimo 4 volte a settimana e del pesce e di preferire carne bianca (pollo, coniglio, tacchino, ecc.), che può essere mangiata più volte a settimana, rispetto a quella rossa, che va limitata a poche volte al mese, perché meno digeribile. Per quanto riguarda le bibite, è bene evitare quelle gassate, bere circa 6 bicchieri d'acqua e moderare l'assunzione di vino rosso soltanto durante i pasti.

 

La piramide si suddivide fondamentalmente in tre zone principali. La ' zona verde' indica quegli alimenti che possono essere mangiati tutti i giorni; la 'zona gialla', invece, comprende gli alimenti che vanno limitati a poche volte alla settimana. La 'zona rossa', infine, è per la sola carne rossa, consigliata soltanto poche volte al mese.