Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Il clima ideale in casa

La casa è l'ambiente in cui si svolgono molte attività tra le quali quelle di relax e di ristoro necessarie per affrontare al meglio le incombenze quotidiane. Per questo motivo, avere una casa confortevole ed accogliente migliora il sonno, la salute e l'umore, ripercuotendosi beneficamente sulla produttività e sulla vita sociale della persona.

Il clima giusto per ogni stagione contribuisce in gran parte al comfort tra le mura domestiche.

Alcune regole di base

Una casa climaticamente confortevole è studiata, sin dalla sua costruzione, per favorire le temperature giuste in ogni stagione. I notevoli progressi fatti in campo architettonico e gli studi compiuti per l'integrazione dell'edilizia nell'ambiente hanno fornito dati e strumenti appropriati per garantire un clima sempre piacevole:

  • orientamento geografico degli ambienti;
  • materiali di isolamento termoacustico (mattoni, tegole, infissi, intonaci...);
  • caldaie, condizionatori e pompe di calore sempre più efficienti e a minore consumo energetico;
  • nuovi e più razionali sistemi di diffusione del calore (radiatori ad ampia superficie, collocazione degli impianti...).

 Con il freddo

Molte persone ritengono, a torto, che il clima da tenere in casa, quando fa freddo, sia quello 'tropicale'. Ovviamente ciò è sbagliato: lo sbalzo termico tra l'esterno e l'interno diventa troppo elevato e ciò può arrecare molti danni all'organismo.

Altrettanto errato è tenere sempre le finestre chiuse, per evitare di disperdere il calore accumulato in casa: l'aerazione, infatti, è necessaria durante qualsiasi stagione, perché il ristagno d'aria causa accumulo di batteri e microrganismi dannosi per la salute.

Se ci si trova a ristrutturare l'appartamento, è consigliabile far collocare le tubature dell'impianto di riscaldamento nei muri (non sul pavimento), in basso, così da favorire la diffusione uniforme del calore. I radiatori andrebbero sempre collocati sui muri perimetrali e mai, come si fa di solito, in corrispondenza di balconi e finestre.

Con il caldo

All'arrivo della stagione calda, visti anche i notevoli sbalzi termici che hanno caratterizzato le ultime estati, quasi tutti hanno comprato un condizionatore, e molti lo hanno anche in auto.

Contrariamente a quanto dice l'opinione comune, non sono i condizionatori a causare malattie e raffreddori, bensì il loro uso errato e la scorretta manutenzione.
Come per il riscaldamento, bisogna sempre evitare di impostare un clima troppo differente tra interno ed esterno. Inoltre, ogni condizionatore è dotato di un filtro che trattiene batteri ed impurità; se il filtro è sporco o intasato, questi batteri vengono rimessi in circolo alla successiva accensione dell'impianto.

L'umidità

Il tasso di umidità negli ambienti è un parametro importante quanto la temperatura. Se l'ambiente è riscaldato, infatti, è necessario mantenere un buon grado di umidità, per evitare fenomeni di secchezza per le mucose del sistema respiratorio, che così sarebbero più esposte al rischio di infezione.

Se l'ambiente viene raffreddato, invece, bisogna che sia anche deumidificato nel modo giusto, perché è l'umidità che impedisce al nostro corpo di traspirare e, quindi, di avvertire la sensazione di afa.

Indicazioni generali

Bambini, anziani e persone ammalate (soprattutto se affette da patologie delle vie respiratorie) non dovrebbero essere esposte al flusso diretto di condizionatori e impianti di riscaldamento: lo sbalzo termico potrebbe essere per loro molto nocivo.