Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Premio giornalistico 'L’emergenza delle epatiti': decretati i vincitori

Milano, 19 novembre 2008 – I vincitori della prima edizione del Premio Giornalistico “L’emergenza delle epatiti” verranno premiati questo pomeriggio nella prestigiosa cornice del Teatro Donizetti di Bergamo, durante la cerimonia inaugurale del VII Congresso Nazionale SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), alla presenza delle maggiori autorità scientifiche in ambito infettivologico. Per i primi 3 classificati sono previsti un premio in denaro e una targa d’argento, che sarà consegnata personalmente dal prof. Francesco Mazzotta, Presidente SIMIT.

Il Premio - promosso grazie al sostegno di Gilead Sciences, in collaborazione con la SIMIT e con il patrocinio dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti - nasce per diffondere una maggiore sensibilizzazione verso le epatiti virali e colmare le lacune informative ancora esistenti, ponendo l’accento sull’importanza della prevenzione e di una corretta diagnosi.

Per questa prima edizione, il concorso era rivolto ai giornalisti della carta stampata, delle agenzie e dei new media. La Giuria, composta da personaggi del panorama giornalistico, scientifico e associazionistico italiano, ha decretato i seguenti vincitori:

  • Primo classificato Roberta Raviolo (“Epatite B: mai abbassare la guardia”, Viversani&Belli) per la capacità di trattare con estrema chiarezza espositiva e semplicità di linguaggio un tema complesso come l’epatite B, in merito al quale l’articolo riesce a fornire al lettore non esperto un’informazione completa sotto i molteplici aspetti della diagnosi, della prevenzione e della terapia, dedicando un focus particolare all’utilità del vaccino.
  • Primo classificato, a pari merito, Franco Marchetti (“Epatite B: il virus è di nuovo in agguato”, Corriere Salute) per il rigore scientifico unito all’approccio divulgativo, l’impegno e l’elevata professionalità con cui l’articolo contribuisce a diffondere la conoscenza dell’epatite B, invitando a rialzare la soglia di attenzione nei confronti di un virus che sta riemergendo, nel nostro Paese.
  • Terzo classificato Emanuela Ambreck (“Per non rodersi il fegato”, PuntoEffe) per la panoramica ad ampio respiro che l’articolo, rivolto al target farmacisti, offre sul problema epatiti virali, affrontate in maniera esaustiva nei loro diversi risvolti, con appropriatezza di linguaggio, uno stile chiaro e diretto, reso ancor più gradevole dall’impronta originale dell’incipit in chiave mitologica.