cache Giornata Mondiale delle Epatiti: intervista al Prof. Antonio Ascione

Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]
Epatologia

Giornata Mondiale delle Epatiti: intervista al Prof. Antonio Ascione

Il 28 luglio si celebra la Giornata Mondiale delle Epatiti, l'evento organizzato dal 2008 dalla World Hepatitis Alliance, in collaborazione con l'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Informare e diffondere conoscenza sono le priorità della campagna che, in questo modo, vuole sottolineare come essere informati possa davvero fare la differenza per la propria salute.

Una persona su dodici è affetta da Epatite B o C. E molti sono quelli che non lo sanno.

In occasione della Giornata Mondiale delle Epatiti, fegato.com ha intervistato per voi il Prof. Antonio Ascione, epatologo, Responsabile del Centro per le malattie del fegato dell’Ospedale Fatebenefratelli di Napoli e Presidente della Mediterranean Association for Study of Liver (MASL), autore di numerosi contributi sugli aspetti epidemiologici e socio-economici delle malattie croniche del fegato.

"Si stima che una persona su dodici è affetta da Epatite B o C ma la maggior parte di queste non lo sa e non lo saprà mai senza uno screening che è fondamentale soprattutto per le persone a rischio: ad esempio, chi fa o ha fatto uso di droghe anche per brevi periodi e chi ha subito più interventi chirurgici prima degli anni '90, quando i sistemi di disinfezione non erano adeguati ed il virus dell'Epatite C era ancora sconosciuto..."

Per approfondire guarda la video intervista.