Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatiti virali

Epatiti virali

L'epatite virale è una malattia infettiva che interessa il fegato e può essere causata da diversi tipi di virus. Le epatiti B e C sono la causa della morte di 90mila persone in Europa.

[...]

Extrasistoli:Ansia

Codice domanda: GG/3M44211

Salve, cercherò di essere più chiaro possibile. vorrei esporle la mia situazione, sono un ragazzo di 29 anni, non fumo e non bevo cafè da 3 non ho mai fatto uso di alcol, peso 80Kg e sono alto 1,75 , pratico sport da 8 mesi, dopo un lungo periodo di pausa sportiva che risale all'età di 13 anni. il mio problema finora e stato attribuito ad uno stato di ansia, cioè che quasi un anno fa ho avvertito delle sensazioni che interpretate dal medico di famiglia erano delle extrasistole, sono comparse in un periodo di eccessivo stress, ma sono durati circa una settimana e sono del tutto scomparsi, adesso ogni tanto si fanno sentire anche se devo dire con molta meno frequenza, all'epoca ho eseguito numerosi elettrocardiogramma, tutto negativo ho riscontrato solo della tachicardia sinusale, ma per il resto era tutto apposto, nel giro di un mese 2 ecocardiogramma eseguiti in 2 ospedali diversi, e nell'ultimo che la cardiologia si trovava al sesto piano ed avendo paura dell'ascenzore mi sono fatto 6 piani di scale, ma questo mia ha portato solo un pò di stanchezza ed ovviamente di tachicardia, dopo 20 minuti dalle scale il medico mi esegue l'ecocardiocramma, ma non trova nulla di anomalo, solo che si è accorto che la mia frequenza cardiaca era di 150, che durante il controllo di colpo passa ad 80 per poi salire gradualmente a 100 battiti al minuto, il medico, stranizzandosi mi ha fatto eseguire degli esami alla tiroide, un holther dinamico di 24 ore, ed una prova da sforzo, tutti i risultati negativi, nessuna extrasistole, nessuna anomalia, questo mi ha letteralmente tranquillizzato, adesso da 2 settimane a questa parte ho di nuovo avvertito questi sintomi, ero in palestra mentre che mi stavo allenando (palestra di Body-B) alla fine di una serie di esercizi, che premetto non è la prima volta che li faccio, ho avvertito prima un leggero capogiro, poi una sensazione di affanno ed ho avvertito anche delle continue extrasistole tutto questo e durato circa 5 min. mi controllo le pulsazioni con il cardio frequenzimetro ed avevo 196 battiti al minuto, allora smetto di fare attività fisica e vado a casa a rilassarmi, ma ancora dopo un paio d’ore dall’accaduto avevo ancora dai 120 ai 130 battiti al minuto a riposo, allora contatto il dottore che mi dice di eseguire un elettrocardiogramma sono andato in ospedale per l’elettrocardiogramma ed il risultato era sempre negativo solo che avevo ancora una tachicardia sinusale di 130 di battiti, nel giro di mezz’ora ho eseguito 3 elettrocardiogramma addirittura in uno registravo 180 di battiti al minuto, mi hanno dato un sedativo ed i batti dopo un ora non sono scesi di tanto sono arrivati a 110, e dopo ancora 2 ore si sono stabilizzati a circa 90 battiti.
Gentilissimo dottore, vorrei un suo consiglio per quanto le scrivo, pregandole di rispondermi ad ogni mia domanda e su cosa potrei fare ho esami da eseguire per poter vederci chiaro su questi sintomi, anche perchè la mia preoccupazione è dovuta anche dal fatto che ho perso mio padre per via di un infarto che aveva l’età di 50 anni , pero fumatore 3 pacchi di sigarette al giorno ed era sulla soglia dell’obesità.
Si può essere verificato una difficoltà di recupero perché quel giorno ho pranzato mezz’ora prima dell’allenamento?
Anche questa volta devo dare colpa all’ansia? O sino a che punto centri l’ansia ?
Quali esami potrei fare per tranquillizzarmi e soprattutto per sapere il mio stato di salute?
Posso continuare a fare sport?
Un grazie anticipato.

Tutto ciò che racconta mi conferma nel fatto che i suoi disturbi sono dovuti all’ansia. I suoi esami sono tutti normali ed i sintomi che riferisce sono tipici dell’ansia. Credo che debba affrontare il suo problema dell’ansia seriamente, con l’aiuto di uno psicologo, al fine di togliersi ogni dubbio e vivere quindi più serenamente.

A cura di Tuttocuore.it