Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Infezioni:Test per anti-HCV

Codice domanda: 9ZJD9FK6

Gentili medici, ieri ho fatto le analisi del sangue. L'infermiera ha preparato le provette per il mio prelievo appoggiandole sulla tovaglietta di carta bianca. Una volta usate tutte le provette mi sono accorta che erano state appoggiate su una macchia di sangue fresco. Quindi l'infermiera ha toccato le provette inserendole nell'ago e presumibilmente anche il sangue sottostante e poi il cotone (non ho visto se era stato appoggiato sulla macchia) per sfilare l'ago e premere. Vi chiedo: una provetta sporca di sangue è in grado di trasmettere virus? le mani dell'infermiera che toccano la macchia e il cotone o il cotone stessso se appoggiato sulla macchia, sono in grado di trasmettere virus? Devo eseguire dei tests per stare tranquilla? grazie

Una provetta sporca di sangue su cui viene inserito l'ago che poi è infisso nella vena del braccio di un paziente, può essere in grado di trasmettere l’infezione, anche se si tratta di una modalità davvero molto rara ed improbabile. Mentre è del tutto inverosimile che le mani dell'infermiera che tocca questo sangue e poi il cotone anche nella parte a contatto con la ferita siano in grado di trasmettere virus. Può comunque effettuare tra 3-4 mesi il test per anti-HCV e le aminotransferasi per maggiore tranquillità.

A cura di Fegato.com