Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Esami diagnostici:Transaminasi alterate

Codice domanda: GG/1D33898

Tempo addietro mi accorsi di avere le transaminasi GPT alterate. A seguito di un'ecografia addominale tutto risultava nella norma. Ho subito associato questo fatto all'assunzione di alcool. Dopo essermi astenuto per un mese i valori sono subito rientrati nella norma (31 UIL). Avendo ripreso ad assumere anche poche quantità di alcool, però, i valori mi sono saliti in una sola settimana (42 UIL). Avendo di nuovo sospeso l'assunzione di alcoolici, detti valori, in solo una settimana, sono tornati nella norma (30 UIL). Tutti gli altri valori sono sempre stati nella norma, comprese le GGT che in precedenza erano piuttosto elevate (95). Ora mi astengo completamente da bere e non ho particolari problemi fisici, salvo la persistenza di fastidiosi foruncoli rossi sul dorso di una mano che un amico medico di ha detto che sono da associarsi all'alcool. In effetti, quando assumevo alcool erano molto più purulenti. Attualmente, però, come detto prima, da tempo non assumo più alcool. Posso considerare il mio fegato guarito? Ho il timore che riprendendo a bere ai pasti possano aumentarmi del transaminasi. Grazie in anticipo per la risposta che Vorrete darmi.

Da quanto riferisce si rileva che lei ha una particolare suscettibilità verso il danno epatico da alcol. Avendo trovato che tutto ritorna normale dopo sospensione degli alcolici si può ritenenre che attualmente il suo fegato sia sano. Tuttavia dovrebbe fare in modo che così rimanga il più a lungo possibile evitando di danneggiarlo con l’assunzione di alcolici.

A cura di Fegato.com