Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Esami diagnostici:Valori alterati

Codice domanda: GG/3A30403

Egregio professore, il valore di colesterolo di mia moglie nel mese di settembre era 320 (94 HDL) ed il dottore prescrisse alcuni esami per funzionalità epatica volendo prescrivere statina. Da tali esami risultarono alterati alcuni valori come gamma gt e alfaamilasi e quindi non fu prescritta statina. Sono seguiti ulteriori esami ed attualmente risulta: colesterolo 285 (HDL 74), gamma gt 71, ast 33, alt 45, bilurub. tot 1,12 (indiretta 0.95), alfa amilasi (128), creatinfosfochinasi 182, fosfatasi alcalina 223, glicemia norm, trigliceridi norm, albumina norm, azotemia norm, creatinemia norm. Esami effettuati: eco a settembre 04 negativa, esami tiroide neg., marker tumorali neg., marker epatiti neg., Tac con contrasto a gennaio 05 negativa. Siccome le analisi restano alterate anche a seguito di dieta rigorosa e persiste una dolenzia ogni tanto e non acuta all’ipocondrio destro sottocostole del fianco dx, le chiedo un suo parere su quali indagini ulteriori si dovrebbero effettuare per trovare l’origine e se potrebbero esserci problemi a vie biliari non evidenziati da eco e TAC. Grazie per la cortese attenzione.

Escluderei per prima cosa che possano esserci dei problemi alle vie biliari con riscontro ECO e TC negativo in tal senso. Per quanto riguarda invece i valori alterati di aminiotransferasi essi vanno approfonditi mediante ulteriori indagini, non trascurando la possibilità che possano dipendere da assunzione di bevande alcoliche o da eccesso di peso corporeo.

A cura di Fegato.com