Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Esami diagnostici:Transaminasi alterate

Codice domanda: FF/2M26346

Ho fatto esami del sangue e sierologici da cui risulta che: 1) S-Aspartato aminotransferasi=123 e S-Alanina aminotransferasi=289. 2) Antigene Australia-HBsAg quantitativo ** >250.00 (valori riferimento 0 0.05); metodo CMIA; Anticorpi IgG anti-Cytomegalovirus ** 9.1 (valori riferimenmto 0 0.06); metodo CLIA. La mia dottoressa dell'ASL mi ha prescritto una visita infettivologica in particolare riguardo alla prima (la seconda sembra essere una cosa "passata" visto che gli IgM anti-Cytomegalovirus sono nella norma). Ho sicuramente l'epatite ma non ho alcun sintomo. Le domande sono queste: è in fase acuta? E' possibile che fra qualche mese avrò solo gli anticorpi e non gli antigeni? Oppure è cronica? Che accertamenti ci saranno da fare? Grazie.

E’ improbabile che la sua condizione sia da riferire ad una epatite acuta essendo i valori di aminotransferasi troppo bassi per quel tipo di diagnosi. Per quanto riguarda la eventualità che sia cronicizzata, è necessario attendere per lo meno 6 mesi prima di poter affermare tale eventualità. Per il momento, a parte evitare del tutto le bevande alcoliche, dovrà effettuare periodici, mensili controlli dei test di laboratorio.

A cura di Fegato.com