Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Esami diagnostici:Cortisone

Codice domanda: FF/1H20968

E' possibile che a seguito di una cura a base cortisonica (con assunzione di una dose di 2 gr al giorno), a distanza di circa un mese dall'ultima dose, nell'eseguire esami per l'accertamento della natura di un linfonodo ascellare (INIZIALMENTE DIAGNOSTICATO DI TIPO REATTIVO A SEGUITO DI UN ESAME CITOLOLOGICO) i risultati della biopisia del linfonodo, di un puntato sternale, di una biopsia ossea e per finire di una biopsia al fegato (per la presenza di microlesioni), la negatività dei risultati di tutti questi esami possano essere stati falsati dalla terapia cortisonica? Inoltre le microlesioni sono state diagnosticate con riserva lesioni tumoinfiammatorie di carattere infettiva.

Non sembra verosimile che gli esami istologici che lei riferisce possano essere influenzati dalla terapia cortisonica.

A cura di Fegato.com