Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Cisti:Terapia e centri

Codice domanda: FF/3B14202

Sono una pensionata con 1 fegato policistico che aumenta di volume, con numerose cisti a parete e contenuto transonico omogeneo (la + voluminosa di 71mm) sono riconoscibili fra le cisti ampie aree di parenchima epatico sano. Inoltre ho i reni policistici notevolmente aumentati di volume con cisti la dx di 75mm e sx di 64mm. Vorrei, per gentilezza, un parere sulle cure farmacologiche (se ci sono) ed eventualmente strumentali da eseguire oltre a segnalarmi un buon centro presso cui rivolgermi (Puglia o Emilia-Romagna). grazie.

La malattia policistica epatica non richiede, nella maggior parte dei casi, alcun trattamento. Il trattamento è indicato quando insorgano complicazioni o quando sia severamente alterata la qualità della vita. In alcuni casi, la migliore opzione terapeutica è la resezione chirurgica; in casi selezionati, può essere indicato il trapianto di fegato o quello combinato fegato/rene. Le possibilità terapeutiche prevedono: 1) procedure interventistiche radiologiche con evacuazione della cisti ed instillazione di alcol; sono state utilizzate anche delle tetracycline, mentre il drenaggio da solo non è indicato dal momento che la cisti si riempie immediatamente. 2) resezione/fenestrazione è il metodo di scelta per pazienti sintomatici con massiva malattia epatica in cui un miglioramento soddisfacente può essere ottenuto in oltre il 90% dei pazienti se selezionati appropriatamente. 3) fenestrazione laparoscopica con o senza instillazione di alcol. 4) trapianto di fegato in casi selezionati.

A cura di Fegato.com