Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Pericardite:Conseguenze

Codice domanda: GG/1A29483

Sono stato ricoverato all'ospedale per una miopericardite acuta. Dalla coronarografia é risultato che le coronarie sono illese. Mi hanno detto che l'origine di questa malattia è virale. Le voglio chiedere come sia stato possibile che un comune virus mi abbia potuto attaccare il cuore. Le mie difese anticorpali dovevano essere molto basse? Inoltre quanto può durare la riabilitazione e che rischi può creare se essa non avviene correttamente?

Le informazioni sono insufficienti per un giudizio. Tuttavia se, come è probabile, il suo cuore non ha avuto alcuna conseguenza (disfunzione del ventricolo o aritmie), il suo ritorno graduale ad una vita normale sarà pieno. Alcuni virus hanno una spiccata tendenza ad aggredire anche le strutture cardiache, in genere si tratta di un danno minore e senza conseguenze. Il suo sistema immunitario non è necessariamente fragile. Se la perimiocardite ha dato qualche esito (anomalie della contrazione ventricolare o aritmie) è bene mantenere un programma di controlli tri-semestrali nel primo biennio. Previo giudizio del suo Cardiologo di Riferimento, il ritorno graduale ma pieno ad una vita normale non è impedito. Può essere opportuno evitare nel primo semestre l’attività fisica eccessiva, i traumi caldo-freddo, l’esposizione ad ambienti affollati o ad alta densità di circolazione virus.

A cura di Tuttocuore.it