Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatiti virali

Epatiti virali

L'epatite virale è una malattia infettiva che interessa il fegato e può essere causata da diversi tipi di virus. Le epatiti B e C sono la causa della morte di 90mila persone in Europa.

[...]

Tosse:causa di tosse non di origine otorinolaringoiatrica

Codice domanda: VN804298H3

Da circa un anno e mezzo soffro di una tosse stizzosa, bruciori alla gola e sensazione di muchi. Gli attacchi di tosse frequenti, a volte anche in ore notturne, sono maggiormente stimolati e amplificati dorante l'assunzione di cibi secchi (grissini, crackers). Le visite effettuate si sono così succedute, ad oggi però nessuna guarigione.. 1) Otorino: Diagnosi: reflusso, Terapia: pantorc, lucen, gaviscon per 8 mesi (nessun risultato) 2) Ulteriore Otorino: Diagnosi, escluso con certezza il reflusso, ed individuata una tracheite, Terapia: antistaminico, antinfiammatori, vapori con sedo calcio, (nessun risultato) 3) ennesimo Otorino Diagnosi: conferma assenza categorica di reflesso, consigliata visita pneumologica 4) Pneumologo: Diagnosi: esclusione della diagnosi di tracheite, accertamenti: spirometria, rx toracica, prelievo sangue per vari controlli, allergie infezioni, nessuna anomalia rilevata. Ipotesi di tecnopatia relativa a professione di centralinista telefonica che mi porta a parlare per diverse ore 5) Ulteriore otorino: Diagnosi: laringite da reflusso o ernia iatale, consiglio pantorc (non assunto poichè già preso in precedenza) 6) Pneumologo: Diagnosi: indebolimento delle vie aeree superiori, prescritto singulair antinfiammatorio + aereosol con klenil (nessun risultato benefico). Conclusione: 2 specialisti otorinolaringoiatri hanno diagnosticato un reflesso gastroesofageo, altri 2 lo hanno escluso, attribuendo la causa ad una tecnipatia da sollecitazione meccanica continua. E' possibile che nonostante la terapia antireflusso per otto mesi, la stessa non abbia dato risultato ammesso che si tratti di tale patologia? Come si può individuare la causa corretta della irritazione alla laringe, reflusso o tecnopatia, tenendo conto che sono alla data odierna 04 febbraio 2010, alla 7a settimana di gestazione? Vi prego di indicarmi una soluzione medica che possa porre fine a questa problematica, che mi causa stanchezza fisica e psicologica dovuta alla sua persistenza.

Considerando che lei è già stato visitato da più otorinolaringoiatri (e più volte), sicuramente tutte le cause ORL di tosse sono già state prese in considerazione. Premesso che dare un parere senza un esame obiettivo è sempre difficile, provo a suggerirle di indagare su una causa di tosse non di origine otorinolaringoiatrica: per caso lei è un iperteso in terapia? Se sta assumendo un ACE-inibitore, provi cambiare farmaco anti-ipertensivo: spesso questa classe di farmaci è all'origine di una tosse non responsiva ad alcuna terapia.

Dott. Francesco Gedda
Specialista in Otorinolaringoiatria

A cura di Paginemediche.it