Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatiti virali

Epatiti virali

L'epatite virale è una malattia infettiva che interessa il fegato e può essere causata da diversi tipi di virus. Le epatiti B e C sono la causa della morte di 90mila persone in Europa.

[...]

Tumori:Marcatori tumorali

Codice domanda: EE/1N12142

Buongiorno mi chiamo Barbara a mia madre nel gennaio 2002 è stato trovato un tumore al seno di 1,2 cm, è stata immediatamente operata e le sono stati tolti anche i linfonodi ascellari che per fortuna sono risultati non contagiati, ha eseguito la chemioterapia e anche le radiazioni. Ora sta prendendo la pasticca (terapia:5 anni) e svolge regolarmente le analisi ogni 3 mesi. Vorrei sapere se eseguendo i marcatori (e che cosa sono) posso stare tranquilla se tali analisi vanno bene (a detta del medico), che non c'è niente di cui preoccuparsi? Vuol dire che anche il fegato, le ossa ... ecc. stanno bene perchè ovviamente non possiamo fare tutte queste analisi spesso. Ultimante non le funziona molto bene l'intestino rispetto a sempre, mi devo preoccupare? Grazie mille e buon lavoro, Barbara.

I biomarcatori tumorali sono tutte quelle sostanze che costituiscono un segnale della presenza e dello sviluppo di una neoplasia, o che, a volte, la caratterizzano. In generale i marcatori tumorali evidenziano le differenze tra i soggetti normali ed i pazienti con tumore e descrivono particolari atteggiamenti della neoplasia. In genere la normalizzazione dei marcatori durante la terapia è indice di risposta al trattamento. La paziente dovrebbe essere sottoposta a follow-up clinico strumentale per la patologia mammaria.

A cura di Paginemediche.it