Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Tumori:Metastasi al fegato

Codice domanda: EE/2A8089

Buongiorno, scrivo questa e-mail con la speranza di avere qualche chiarimento in più. Mio padre (61 anni) è stato operato in data 14/12/02 d'urgenza per blocco intestinale. La diagnosi è stata ADENOCARCINOMA MODERATAMENTE DIFFERENZIATO INFILTRANTE SINO AL GRASSO LA PARETE COLICA. Da una risonanza magnetica (supportata anche da una TAC e diverse ecografie) risulta orqa a carico del FEGATO IMMAGINE OVALARE IPODENSA CON DIAMETRO DI CIRCA 3 CM. Il motivo per cui mi rivolgo a voi è il seguente: il chirurgo che lo ha operato, d'accordo con l'oncologo, vorrebbe sottoporre mio padre ad un ciclo di chemioterapia, valutare poi successivamente il momento in cui poterlo operare per rimuovere dal fegato la metastasi. Un altro chirurgo, resposnsabile della divisione CHIRURGIA DEL FEGATO, vorrebbe ricoverarlo la prossima settimana ed operarlo immediatamente in quanto ci ha detto che, in questi casi, non si può assolutamente aspettare, fare le terapie e poi operare. Se potete rispondere ve ne sarei immensamente grata perchè l'unica cosa di cui ci rendiamo perfettamente conto è che non possiamo aspettare molto tempo. Grazie fin d'ora.

Nel caso in cui sia confermata la natura metastatica della lesione epatica, è indicato intervento chirurgico in prima istanza, seguito da trattamento chemioterapico adiuvante (preventivo).

A cura di Paginemediche.it