Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatiti virali

Epatiti virali

L'epatite virale è una malattia infettiva che interessa il fegato e può essere causata da diversi tipi di virus. Le epatiti B e C sono la causa della morte di 90mila persone in Europa.

[...]

Encefalopatia multiinfartuale:RILEVARE EVENTUALI SINTOMI

Codice domanda: 549TMWJS3D

desidererei con urgenza se possibile un parere sull'esito di 2 TAC fatte a mia madre di anni 99! TC CEREBRALEEsame eseguito in urgenza in condizioni basali senza somministrazione di M.d.C. ev.Non apprezzabili alterazioni tomodensitometriche in fase acuta del parenchima encefalico evidenziabili con la metodica: in particolare non evidenza di raccolte ematiche intra od extra parenchimali.Diffusa ipodensità della sostanza bianca periventricolare, dei centri semiovali e corona radiata come per sofferenza tissutale su base cerebro-vascolare ischemica cronica.Segni di atrofia.SVST esente da compressioni o dislocazioni.Linea mediana in asse.2) Esame eseguito in condizioni basali.Assenza di alterazioni densitometriche a carattere acuto a carico dei tessuti dell'encefalo evidenziabili con la metodica.Quadro di leucoencefalopatia ipossico-ischemica cronica.Sistema ventricolare sopratentoriale ectasico ex vacuo.Atrofia cortico sottocorticale con dilatazione degli spazi liquorali della base e della volta.IV ventricolo e strutture della linea mediana in asse.

La TC di sua madre rileva la mancanza di lesioni acute dell'encefalo, cioè non vi sono segni recenti di ischemia (infarti cerebrali) o di emorragie. Vi sono invece dei segni di ischemia cronica e dei segni di atrofia cerebrale corticosottocorticale. Il sistema ventricolare non è compresso, né "spostato", ma un po' dilatato, così come gli spazi liquorali, Non sono riferiti i sintomi di sua madre, ma l'esame, in considerazione dell'età della signora non sembra destare  preoccupazione.

Dott. Pietro De Domenico
Pietro De Domenico

A cura di Paginemediche.it