Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatiti virali

Epatiti virali

L'epatite virale è una malattia infettiva che interessa il fegato e può essere causata da diversi tipi di virus. Le epatiti B e C sono la causa della morte di 90mila persone in Europa.

[...]

Demenza senile:ereditarietà

Codice domanda: HI91M4WR10

MIO PADRE , HA COMINCIATO A SOFFRIRE VERSO I 70 ANNI DI DEMENZA SENILE. NE POSSO SOFFRIRE ANCHE IO IN VECCHIAIA.?E' EREDITARIA.? HO BISOGNO DI UNA RISPOSTA. SALUTI MARINA

E' difficile stabilire se una malattia senile sia ereditaria: se colpisce ad esempio dopo gli 85 anni, molti potrebbero non sapere mai che invece di finire bruciati a 55 anni nella Tyssen Krupp, sarebbero finiti all'età di 85 anni in preda ad una RSA (ricovero per anziani bisognosi). In genere bisognerebbe aver paura delle malattie precoci, cioè prima dei 75-80 anni. L'Alzheimer, per esempio è nota perchè colpisce inaspettatamente persone adulte all'età di 55-60 anni, cioè molto prima che la demenza possa essere considerata "senile". Dopo circa 50 anni di ricerca, non sono mai state trovati indizi per cui ci sia una trasmissione genetica dell'Alzheimer. Ci sono d'altro canto tantissime malattie che provocano una demenza pre-senile, anche a trasmissione genetica, ma quelle non le cita mai nessuno, giustamente perchè sono relativamente rare (chessò, la Corea di Huntington o il morbo di Wilson, e altre decine). Cosa vuole che Le dica, vuole essere rassicurata sui suoi geni? Sarebbe più facile per me rassicurarla sull'acquisto dell'auto o della lavastoviglie. Perchè, visto che dal suo profilo appare essere una signora dai 35 ai 44 anni, non pensa invece a spassarsela? Lo sa che prima ancora della demenza subentra con certezza la menopausa ( e nell'uomo l'andropausa e l'impotenza)? E se proprio l'argomento dello spasso erotico non l'appassiona, lo sa che alla nostra età giungiamo al massimo possibile delle performances intellettuali? il piacere di una partita a scacchi, di un bel libro, di una mostra o uno spettacolo, chi ce li restituirà? Carpe diem, cara signora, e non pensi alla demenza senile!

Dott. Massimo Barrella
Policlinico Casilino, Servizio di Neurologia, Roma
Ospedale Sacco, Istituto di Endocrinologia, Milano
Rome American Hospital, Centro di Terapia delle Algodistrofie e Algie Croniche, Roma

A cura di Paginemediche.it