Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatiti virali

Epatiti virali

L'epatite virale è una malattia infettiva che interessa il fegato e può essere causata da diversi tipi di virus. Le epatiti B e C sono la causa della morte di 90mila persone in Europa.

[...]

Dolori addominali:Indicazioni

Codice domanda: 30LM3349

Mia suocera, 71 anni, da 1 mese a questa parte accusa dolori all'addome superiore, alle volte molto acuti altre volte più lievi, ma sempre comunque persistenti per diverse ore. Inizialmente, dopo tre trasporti al pronto soccorso in ambulanza nel giro di una settimana, è stata ricoverata per 15 giorni in ospedale. Nonostante questo e dopo i numerosissimi esami che ha effettuato non si è arrivati ancora a capire la causa di questi dolori insopportabili. In questo periodo ha eseguito i seguenti esami con di seguito gli esiti:COLONSCOPIA: diverticolosi importante del colon sigmoideo con diverticolite cronica.ECO ADDOME: non riscontri patologiciEGDS: ridotta continenza cardiale, gastropatia antrale iperemica lieveAl momento del ricovero alterazione degli indici di funzionalità epatica con successivo rientro alla normalità tranne ggt che risultano ancora alterate (220) Marker's negativiIn seguito ha potuto sottoporsi ad ulteriori esami:ECOADDOME TOTALE: fegato nei limiti morfovolumetrici ed ecostrutturali. Non lesioni epatiche a focolaio. Non dilatazione delle vie biliari intra ed extra epatiche. Esiti di colecistectomia. Pervia la vena porta. Come di norma il pancreas la milza e i reni a parte la presenza di piccola formazione cistica di circa 2 cm esofitica al terzo inferiore del rene di sinistra sul versante postero laterale. Non dilatazioni aneurismatiche a carico dell'aorta addominale. La vescica è distesa con pareti di regolare spessore priva di lesioni endoluminali. Esiti di istero annessectomia. Assenza di versamento ascitico.ECOGRAFIA ADDOMINALE SUPERIORE:L'esame viene confrontato con precedenti di altra sede del 29/04/2008.Fegato di dimensioni ed ecostruttura nella norma senza alterazioni focali. Non dilatazione delle vie biliari intraepatiche nè del coledoco. Si segnala aerobilia. Non evidenziati calcoli endo-biliari. Esiti di colecistectomia. Vena porta pervia. Pancreas e milza nella norma. Reni in sede di dimensioni ed ecostruttura regolari. Invariata la formazione cistica sotto-capsulare di 20 mm segnalata al terzo inferiore del rene sisnistro. Non calcoli nè dilatazione delle vie urinarie. Aorta regolare. Non linfoadenopatie nè versamento addominale.TAC ADDOME TOTALE (SENZA E CON MDC)Organi parenchimatosi dell'addome superiore di dimensioni e densitometria nei limiti della norma. Piccola cisti di 20 mm di diamtro esorenale al terzo inferiore del rene sinistro nei limiti la morfologia del retroperitoneo e delle strutture del piccolo bacino.I prossimi esami a cui dovrà sottoporsi saranno: COLANGIO RMNECOENDOSCOPIAERCPQuesta la terapia che sta seguendo al momento:PLASIL 10 mg capsule rigide a rilascio prolungato metoclopramide (dopo i due pasti)BUSCOPAN 10 mg (ore 16 dopo piccolo spuntino)DEURSIL 225 mg capsule rigide a rilascio prolungato - acido ursodesossicolico (la sera prima di coricarsi)OMEPRAZOLO RATIOPHARM 20 mg capsule rigide gastroresistenti (1 al mattino e 1 alla sera prima dei pasti.QUINAPRIL EG 20 mg (il mattino dopo colazione)Queli potrebbero essere le cause più probabili di questi dolori e perchè dopo 1 mese tra esami e ricovero ospedaliero non si è arrivati ancora ad una diagnosi precisa? Se dovrà arrivare a sostenere l' ERCP è vero che ci sono diversi rischi di effetti collaterali piuttosto importanti?Vi ringrazio per la vostra pazienza e per la vostra eventuale cortese risposta.

Le cause più probabili di questi dolori potrebbero risiedere nella diverticolite che presenta sua suocera. Se dovrà arrivare a sostenere l' ERCP è vero che questa procedura comporta diversi rischi di effetti collaterali piuttosto importanti, primo fra tutti la pancreatite.

A cura di Fegato.com