Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatiti virali

Epatiti virali

L'epatite virale è una malattia infettiva che interessa il fegato e può essere causata da diversi tipi di virus. Le epatiti B e C sono la causa della morte di 90mila persone in Europa.

[...]

Alimentazione:Cirrosi alcolica

Codice domanda: DD/2E5164

La madre di una amica ha problemi di alcolismo da oltre 30 anni, ultimamente le sono state riscontrate delle anomali nelle analisi del sangue e in una ecografia, pensiamo si possa trattare di un inizio di cirrosi epatica. Mi interesserebbe sapere quali sono i sintomi che identificano la cirrosi epatica o una malattia che poi possa sfocciare in cirrosi. Vi ringrazio per la cortese attenzione e resto in attesa di una vostra risposta!

La cirrosi è un'alterazione diffusa della struttura del fegato, risultato finale di processi di necrosi e di infiammazione epatiche protratte nel tempo e di differente natura. Le principali cause di cirrosi sono le infezioni virali da virus B, C e Delta e il consumo di bevande alcoliche. Le principali alterazioni dei tests indicative di cirrosi sono le modificazioni dell’emocromo, in particolare la riduzione del numero delle piastrine (inferiori a 100.000/mlmc) associato o meno ad una riduzione dei globuli bianchi e dei globuli rossi. I principali segni che alla visita medica possono indirizzare la diagnosi di cirrosi sono: l’arrossamento del palmo delle mani (eritema palmare), la comparsa sulla pelle (soprattutto sulle braccia, sul volto e sul torace) di piccole macchie cutanee rosse "a ragno" (spider nevi), l’aumento di consistenza del fegato e l’irregolarità del suo margine, l’aumento di volume della milza. Nelle forme di cirrosi avanzate altri segni sono l’accumulo di liquidi (edema), la comparsa di ascite, il prurito diffuso, il colorito giallastro delle sclere e/o della cute. Potrà trovare altre informazioni cliccando sul link della sezione successiva.

A cura di Paginemediche.it