Feeds

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime news di paginemediche.it?

feeds ico

In collaborazione con: AGI Salute è il portale aperto sul mondo della salute, su tutto quello che c'è o si deve sapere sulla sanità.

Epatite virale: l

Epatite virale: l'esperto risponde

L'epatite virale è una malattia infettiva del fegato che ogni anno causa la morte di 1,5 milioni di persone in tutto il mondo. Nonostante questi dati non c'è una piena percezione nei confronti della patologia.

[...]

Acidi biliari:gravidanza ed acidi biliari

Codice domanda: 17M0U9Q9

Sono una ragazza di 30 anni alla 29° settimana delle prima gravidanza. Da circa un mese su consiglio della mia ginecologa faccio ogni settimana esami del sangue per tenere sotto controllo i valori delle transaminasi e degli acidi biliari. Per quanto riguarda le transaminasi dopo aver raggiunto i valori di 36 (AST) e 73 (ALT) sono rientrate nei valori rispettivamente di 21 e 40. Gli acidi biliari invece sono passati da un valore di 11.4 a un valore di 19.8. Da qualche giorno avverto anche del prurito sulla pancia.Se i valori degli acidi biliari dovessere aumentare ancora dovrei partorire in anticipo? A che punto si può parlare di valori preoccupanti per il normale corso della gravidanza? Tali valori degli acidi biliari potrebbero rientrare nella norma adeguando l'alimentazione o assumendo dei medicinali?

Il valore degli acidi biliari non è indicativo di cattiva funzione epatica e quindi di anticipo del parto.

A cura di Fegato.com